Agenda Sanità, il sindacato sollecita Regione Lombardia

Ridurre i tempi e le liste d’attesa per esami, visite, interventi. Potenziare il sistema delle cure intermedie, rafforzando l’assistenza domiciliare. Ridurre le rette a carico degli anziani in casa di riposo. Sono solo alcuni punti della piattaforma rivendicativa sui temi sociosanitari presentata questa mattina da Cgil, Cisl, Uil Lombardia, che dall’attivo regionale unitario riunito al teatro Pime di Milano lanciano una mobilitazione regionale e sollecitano la convocazione di un tavolo a Palazzo Lombardia.

“Signor Presidente – ha detto il segretario generale della Cisl Lombardia, Ugo Duci, concludendo il suo intervento introduttivo ai lavori dell’attivo unitario – siamo qui, oggi, per chiederle di riconvocare quello stesso tavolo che portò all’accordo di quattro anni fa, di riaprire un confronto serrato, vero, di merito, come avvenne allora, per condividere e definire l’agenda, le azioni e gli strumenti con cui, finalmente, dare compiutezza alla riforma del nostro sistema regionale sociosanitario, ormai da troppo tempo ferma in mezzo al guado”. “Per dare, con efficacia, adeguatezza e appropriatezza – ha aggiunto – le necessarie e doverose risposte universali, eque e certe, alle aspettative di cura e di assistenza che chi vive in Lombardia, come nel resto del Paese – art.32 della Costituzione alla mano – ha diritto di avere, a tutela della propria salute”.

 

lombardia.cisl.it

 

 

Etichette: nessuna etichetta