Pasta Zara, i sindacati: confronto inutile, senza alcuna novità

Nessun dettaglio utile a chiarire il quadro in più rispetto a quelli già noti e dunque un pacchetto di informazioni ritenute ancora insufficienti. Per questa ragione Fai Cisl, Flai Cgil e Uila, oggi convocate per un incontro con i vertici di Pasta Zara, hanno lasciato il tavolo rendendosi disponibili a ritornare ad un confronto “solo quando verrà presentato l’investitore – si legge in una nota unitaria – e quando, assieme all’azienda, saranno pronti a formalizzare un piano industriale che contenga anche le dovute rassicurazioni sul futuro dell’occupazione e dei tre siti produttivi” di Riese (Treviso), Rovato (Brescia) e Muggia (Trieste).

L’investitore al quale i sindacati si riferiscono è il soggetto che dovrebbe intervenire sul capitale del colosso della pasta, in concordato preventivo “in bianco” fino all’8 ottobre, e del quale i vertici aziendali avrebbero sino ad oggi parlato solo in modo vago spiegando che i possibili candidati sono quattro e di natura sia industriale sia finanziaria.

Non si può giocare sulla pelle dei lavoratori – concludono i sindacati – chiediamo chiarezza e risposte certe, anche ai soggetti istituzionali coinvolti“.

Etichette: nessuna etichetta