Scuola, si ricomincia. Con i problemi di sempre

Sono 200mila gli studenti bresciani che oggi ritornano a scuola.  “La prima campanella di questa mattina – scrive Bresciaoggi – trova un quadro scolastico fotocopia degli anni passati. Tante le nomine in ruolo, ma tante le cattedre vuote. E caos per le sostituzioni, con indicazioni e controindicazioni dell’ultima ora, col risultato che fino al 21 non si possono chiamare i supplenti a riempire quei vuoti. […]: 202 nelle primarie, 250 nelle secondarie, 6-700 nei posti di sostegno“.

Insomma, “niente di nuovo sotto il sole” per dirla ancora con il quotidiano di via Eritrea che riporta anche una dichiarazione del segretario provinciale di Cisl Scuola, Luisa Treccani: Perchè nonostante assunzioni e piattaforme tecnologiche mancano tanti insegnati quanti ne mancavano lo scorso anno? “Tutto è da far risalire ai tempi sbagliati, alla fretta di utilizzare la piattaforma Sigeco che non ha funzionato, facendo slittare le operazioni, manuali come sempre, troppo in avanti”.

E così per l’avvio a pieno regime dell’anno scolastico 2018/2019 bisognerà aspettare l’ultima settimana del mese.

 

Etichette: nessuna etichetta