Povertà, in Lombardia 18 mila famiglie hanno bisogno d’aiuto

Nei primi 6 mesi dell’anno, in Lombardia hanno percepito il reddito di inclusione ben 18.349 nuclei familiari, pari a 55.091 persone. L’importo medio dell’assegno è stato di 269,29 euro mensili. E’ quanto emerge dai dati relativi al primo semestre del 2018 dell’Osservatorio statistico INPS pubblicati sul  sito internet dell’Istituto.

La Lombardia è la quarta regione italiana con il maggior numero di nuclei familiari percettori, preceduta da Calabria (19.613 nuclei, 60.493 persone), Sicilia (63.556 nuclei, 209.006 persone) e Campania, (68.417 nuclei, 238.203 persone).

Desta grave preoccupazione – sottolinea Paola Gilardoni, segretario regionale Cisl e portavoce dell’Alleanza lombarda contro la povertà – che una regione come la Lombardia, considerata locomotiva d’Italia, sia al quarto posto per numero di famiglie che percepiscono il reddito di inclusione. Occorre al più presto definire il Piano regionale contro la povertà, con risorse aggiuntive che vadano a rafforzare le reti di collaborazione tra servizi sociali ed enti ed organizzazioni competenti per inserimento lavorativo, istruzione, formazione, politiche abitative, salute”.

A livello nazionale sono stati 266.653 i nuclei familiari percettori, pari a 840.745 persone, per un importo medio di 307,99 euro.

Etichette: nessuna etichetta