Medtronic, volantinaggio sulla statale

La strada statale che dalla Bassa Bresciana arriva a Roncadelle per proseguire poi fin verso la città, passa proprio davanti alla sede della Medtronic, la multinazionale del biomedicale che quindici giorni fa ha improvvisamente comunicato la decisione di chiudere entro due anni sia l’unità produttiva di Roncadelle che quella di Torbole Casaglia, cancellando in un solo colpo 314 posti di lavoro. Da quel giorno lavoratrici e lavoratori hanno bloccato la produzione e insieme a Femca Cisl, Filctem Cgil e Uiltec hanno dato vita ad un presidio davanti agli ingressi.
Oggi le lavoratrici e i lavoratori hanno spostato la protesta ai bordi della strada statale, consegnando agli automobilisti un volantino in cui è riassunta la situazione in cui si sono venuti a trovare.

 

 

Dopo gli incontri in Prefettura, in Associazione Industriale Bresciana e al Ministero dello Sviluppo economico, questi sono i giorni più difficili per i dipendenti della Medtronic, quelli dell’attesa di una qualche risposta. Si guarda soprattutto al Ministero che ha chiesto espressamente la presenza dei vertici della multinazionale per discutere decisioni che allo stato attuale ha giudicato inaccettabili.

Giovedì, intanto, un delegato del Vescovo (che è all’estero per un pellegrinaggio diocesano) porterà ai lavoratori la solidarietà e la vicinanza della Chiesa bresciana.

Etichette: , , ,