Sanità e Funzioni locali, contratti operativi. A giugno gli arretrati
TORNA INDIETRO

Sanità e Funzioni locali, contratti operativi. A giugno gli arretrati

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 21 Maggio 2018

Le ultime firme sono state fatte oggi nella sede dell’Aran, l’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni. Il contratto di lavoro 2016/2018 per un milione e 200mila lavoratori della sanità, delle Regioni, delle Province e dei Comuni è finalmente operativo, sia per la parte giuridica che per la parte economica.

Tra le novità del nuovo contratto quella dell’istituzione di un’apposita Commissione che avrà tempo fino a luglio per ridisegnare l’attuale classificazione del personale per tutte le aree professionali.
Tra giugno e luglio in busta paga arriveranno gli scatti mensili di 85 euro medi e gli arretrati, che vanno, a seconda delle fasce e dei livelli, da 500 a 900 euro.

Per la Cisl a firmare in via definitiva i contrattio sono stati il segretario confederale Ignazio Ganga e il segretario generale della Cisl Funzione Pubblica Maurizio Petriccioli