Pluda (Cisl): la parola chiave per lo sviluppo è “insieme”

In base alle risposte del campione statistico di IPSOS, i bresciani confermano nell’elenco delle loro priorità l’occupazione, anche se non vivono “l’emergenza del lavoro” nella stessa misura del resto d’Italia. A livello nazionale infatti “L’emergenza occupazionale” è una priorità per il 65% degli italiani, mentre lo è solo per il 21% dei bresciani.

E’ uno dei tanti dati che emergono dall’indagine commissionata dal Giornale di Brescia alla società di Nando Pagnoncelli in vista delle elezioni amministrative del 10 giugno.

Questa mattina il quotidiano di via Solferino ha chiesto al mondo del lavoro e dell’impresa di commentare quel segmento della ricerca: “Da sindacati e industriali – sintetizza il giornale nel sommario dell’articolo – alcuni spunti per chi governerà la città nei prossimi cinque anni”.

PLUDA (CISL), OCCORRE LAVORARE INSIEME

Brescia ha tenuto più di altri territori – ha detto Alberto Pluda, segretario generale della Cisl – ma l’amministrazione avrebbe potuto e potrebbe mettere in atto comunque strategie per rilanciare l’occupazione e l’economia”. Il riferimento e al documento presentato dai sindacati confederali su ortomercato, aeroporto, alta velocità ferroviaria e fiera. “Nonostante siano stati dati spunti importanti quel documento è rimasto senza seguito. Occorre lavorare insieme per creare nuove occasioni di sviluppo”.

Etichette: , , , , ,