Completata la Segreteria Filca Cisl, Dale’ e Capelli affiancano Sara Piazza
TORNA INDIETRO

Completata la Segreteria Filca Cisl, Dale’ e Capelli affiancano Sara Piazza

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 26 Marzo 2018

Da sinistra: Enrico Dalè, Sara Piazza, Mirko CapelliSono Enrico Dale’ e Mirko Capelli i dirigenti che da oggi affiancheranno Sara Piazza, segretario generale della Filca Cisl provinciale dallo scorso 19 dicembre, nella guida della categoria e nel presidio organizzativo della macro area che la Federazione si è data e che comprende le province di Brescia, Cremona e Mantova. L’elezione è avvenuta questa mattina nel corso del Consiglio generale della categoria riunito a Drizzona, località a metà strada tra Cremona e Mantova.

Il completamento della Segreteria – ha detto il segretario generale – ha visto impegnato l’insieme degli operatori della categoria, “in un percorso di condivisione della strategia e del modello operativo, delle aree di lavoro su cui puntare, del valore del ruolo e delle caratteristiche che ognuno è chiamato a mettere in gioco all’interno dell’organizzazione”.

L’elezione di questa mattina non rappresenta “la fine di un percorso – ha aggiunto Sara Piazza – ma la prosecuzione del cammino che abbiamo insieme avviato, confermando il nostro obiettivo: lavorare in sinergia, al servizio dell’intero gruppo dirigente, per crescere insieme”. Il segretario generale della Filca provinciale ha anche preannunciato la ripartizione di numerose deleghe non solo tra i componenti la Segreteria ma anche tra gli operatori politici sui territori, che “richiederanno a tutti la capacità di mettersi in gioco, di studiare ed approfondire, di progettare il lavoro e di ottenere gli obiettivi stabiliti, per i lavoratori e per la categoria”.

Nessuno di noi – ha concluso il segretario provinciale Filca – sarà mai un grande leader se vuole fare tutto da solo o prendersi tutto il merito per averlo fatto”. Si vince insieme, ha aggiunto riferendosi allo slogan scelto per la riunione del Consiglio: “Tutti dentro, nessuno fuori”.