La Cisl per gli Amministratori di sostegno | Scopri di più

Caffaro, le precisazioni del Comune
TORNA INDIETRO

Caffaro, le precisazioni del Comune

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 12 Ottobre 2017

Ogni intervento di esproprio di parte dell’area Caffaro riguardante la riqualificazione urbanistica di via Milano, non pregiudicherà in alcun modo diretto o indiretto la continuità dell’attività industriale esistente e non prevederà alcun costo a carico della stessa”. Probabilmente non sarà questa precisazione – emersa ieri pomeriggio nell’incontro tra sindacati, sindaco e commissario per la bonifica – a far recedere la proprietà dall’annunciato trasferimento della produzione lontano da Brescia, ma almeno non potrà più essere usata a scusante.

In Palazzo Loggia le delegazioni sindacali di Femca Cisl, Filctem Cgil e Uiltec Uil sono state ricevute dal sindaco Emilio del Bono e dal Commissario nominato dal Ministero per sovrintendere alla bonifca dell’area, Roberto Moreni.

Ora “il vero tema – si legge in una nota sindacale – è lo studio in atto da parte del Ministero teso a trovare soluzioni per la messa in sicurezza della falda in caso di cessazione dell’attività produttiva scelta dall’azienda”.

AREA E IMMOBILI CAFFARO SONO IN VENDITA

Questa mattina il quotidiano Bresciaoggi dà notizia poi del bando pubblicato su alcuni quotidiani nazionali e veneti per la vendita beni immobili e mobili delle società Caffaro Srl e Caffaro Chimica, in amministrazione straordinaria. L’area è di 108.500 metri quadri con fabbricati industriali e uffici parzialmente in affitto. Il valore stimato di perizia è 11 milioni e 500 mila euro a cui aggiungere 11 milioni 395 mila e 500 euro di oneri ambientali.