Iseo Serrature, la partecipazione fa bene all’impresa e ai lavoratori

Si è tenuto ieri nello stabilimento di Pisogne di Iseo Serrature S.p.A, l’incontro annuale del Comitato Aziendale Europeo. Erano presenti i delegati sindacali delle fabbriche italiane, rumene, tedesche e francesi che con la direzione aziendale hanno discusso di occupazione, andamento aziendale, prospettive e investimenti nel gruppo industriale.

Iseo Serrature è una realtà che durante la crisi ha investito sia sul prodotto che sul processo, ha acquisito e rilanciato aziende in Europa, diventando l’azienda leader del settore serrature a carattere globale. Il gruppo attualmente indica un trend di crescita di oltre il 5% del volume di vendite e registra la crescita importante dell’occupazione che si attesta a circa 1.200 dipendenti.

Durante l’incontro sono stati illustrati i progetti aziendali in corso relativi alla salute e sicurezza, all’alternanza scuola-lavoro, alla formazione e alla valorizzazione delle competenze professionali dei lavoratori, su cui il sindacato ha molto insistito e che ora evidenziano un positivo riscontro.

L’impostazione del gruppo in termini di investimenti e crescita dell’occupazione è sicuramente positiva, in quanto costituisce le condizioni per la sostenibilità e lo sviluppo”, ha dichiarato Nicola Alberta, Segretario nazionale Fim Cisl che ha partecipato all’incontro.
Stiamo inoltre realizzando la contrattazione integrativa in tutte le aziende – ha aggiunto Duilio Piccinelli, Rsu Fim di Iseo Serrature e Presidente del Cae – con al centro l’attenzione al tema della sicurezza, su cui ci si sta impegnando molto in questi anni, e per il miglioramento delle normative e del salario. Come Comitato aziendale europeo stiamo favorendo il consolidamento di relazioni sindacali partecipative in tutte le realtà e l’avanzamento delle condizioni dei lavoratori”.

Il prossimo appuntamento del Cae con la direzione aziendale sarà tra un anno, ma i progetti proseguiranno e gli scambi di informazioni tra i delegati sindacali saranno costanti.

Etichette: , ,