Dagli immigrati bresciani rimesse per 151 milioni
TORNA INDIETRO

Dagli immigrati bresciani rimesse per 151 milioni

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 26 Agosto 2017

Ripartono le rimesse degli immigrati che vivono e lavorano in Lombardia: nel 2016 crescono dell’1%, +11 milioni, toccando quasi gli 1,2 miliardi contro un dato che continua ad essere negativo in Italia (-3,4%). Sono circa mille euro a testa che ogni immigrato invia ogni anno nel Paese di provenienza. Le rimesse lombarde pesano il 23% del totale italiano con Milano che è seconda a livello nazionale con 587 milioni di euro, 11,6%, superata solo da Roma (13,2%). Tra le prime dieci province italiane ci sono altre due province lombarde: Brescia (sesta con 151 milioni di euro, 3% nazionale e +3,9% in un anno) e Bergamo (nona con 108 milioni di euro, +4,4%).

Lo comunica la Camera di commercio di Milano che ha elaborato i dati del Registro delle imprese, Istat, World Bank e  Banca d’Italia.

Dove vanno le rimesse lombarde? Principalmente in Senegal quelle che partono da Bergamo (18,1% delle rimesse totali dalla provincia) e Lecco (22,4%), in Pakistan da Brescia (13,9%) e Monza e Brianza (12%), in Romania da Como (8,9%), Lodi (20,8%), Pavia (17,7%) e Varese (9,9%), in India da Cremona (29,6%) e Mantova (23,5%), in Marocco da Sondrio (10,3%), nelle Filippine da Milano (15%).