Maxion Wheels, accordo su turni, compensazioni e stabilizzazioni lavorative
TORNA INDIETRO

Maxion Wheels, accordo su turni, compensazioni e stabilizzazioni lavorative

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 3 Luglio 2017

I turni passano da 15 a 17. C’è una compensazione salariale con maggiorazioni aggiuntive del 60%, riposi e stabilizzazione di 10 lavoratori attualmente impiegati con contratto in somministrazione. Sono i punti salienti dell’accordo che la Fim Cisl Brescia e la maggioranza della Rsu Fim e Fiom della Maxion Wheels – azienda che produce cerchi in lega per le più importanti marche automobilistiche, con sede a Dello, nella Bassa Bresciana – hanno siglato oggi con la direzione dello stabilimento.

Tutto ruota attorno al cambiamento di turnistica per due macro-reparti aziendali– si legge in una nota dei metalmeccanici Cisl – la Fonderia e le Lavorazioni Meccaniche, finalizzato ad un aumento del volume produttivo”.

L’accordo ha validità per 18 mesi, vede un aumento dei turni di lavoro da 15 a 17 e un turno ridotto di manutenzione. “Lo schema della turnistica sarà a scorrimento su 6 giorni settimanali – precisa ancora il comunicato sindacale – con riposi compensativi durante la settimana e una maggiorazione del 60% aggiuntiva a quanto previsto dal contratto collettivo nazionale di lavoro e dagli accordi aziendali in vigore sui turni lavorati di sabato o domenica. Per i lavoratori interessati (sono 360 i dipendenti della fabbrica) ci sarà la possibilità di optare per periodi di lavoro straordinario durante il periodo di sperimentazione della turnistica a scorrimento.

L’accordo prevede anche l’assunzione a tempo indeterminato di 10 lavoratori in somministrazione entro il 31 dicembre del 2018.

“E’ un accordo che ci ha impegnato per molti mesi e che ha alle spalle un ampio mandato dei lavoratori interessati – conclude la Segreteria provinciale della Fim – e che ha raggiunto un punto di equilibrio tra le necessità aziendali e la necessità di dare ai lavoratori una turnistica quanto più adatta alle loro esigenze personali”.