Per non rimanere schiacciati dalla paura del virus.
Venerdi 23 ottobre (ore 10) seminario in diretta streaming

Sanità, limiti di programmazione manageriale. Manca la visione
TORNA INDIETRO

Sanità, limiti di programmazione manageriale. Manca la visione

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 16 Giugno 2017

Dopo l’apertura del segretario provinciale Francesco Diomaiuta, i lavori del Consiglio generale della Cisl riunito questa mattina a Darfo Boario per una verifica degli effetti della riforma sanitaria regionale a due anni dalla sua approvazione, sono proseguiti con tre interventi di approfondimento.

 

ZORZI (CISL FP BRESCIA): SONO MANCATE LE DECISIONI

Un invito a riflettere sui dati della sanità bresciana è venuto dal segretario provinciale della Cisl Funzione Pubblica, Diego Zorzi: “Il principio della riforma è certamente condivisibile, ma rimane sulla carta perché la regia che sovrintende 4 grandi realtà ospedaliere pubbliche (Brescia, Desenzano, Chiari ed Esine, con i relativi presidi), 12 strutture private accreditate e un totale di 5.830 posti letto, ha mostrato limiti di programmazione manageriale interna con la mancata assunzione delle decisioni necessarie, e di fronte ad un cambiamento radicale ha lasciato il sistema senza adeguate risorse, scaricando sui 12.000 lavoratori del comparto tutte le aspettative”.

 

BERARDI (CISL FP LOMBARDIA): NON C’E’ VISIONE DI LARGO RESPIRO

“Per di più – ha sottolineato dal canto suo Franco Berardi, segretario della Cisl FP Lombardia – senza preoccuparsi delle crisi aziendali nel socio sanitario che coinvolgono il Richiedei di Gussago, la Don Gnocchi di Rovato, la Maugeri di Lumezzane. Manca la visione d’insieme della complessità dei bisogni sanitari del nostro territorio, di come dovranno essere strutturate le risposte non nel breve ma nel lungo periodo, di un passaggio dalla centralità dei processi organizzativi in funzione del profitto ad una centralità dei servizi in funzione del malato, della persona, dei cittadini”.

 

RANCATI (CISL LOMBARDIA): LA REGIONE SI APRA ALL’ASCOLTO

Sulla necessità che si torni a discutere delle tante ombre evidenziate ha insistito anche Pierluigi Rancati della Segreteria regionale della Cisl: “In Lombardia il sistema sanitario dimostra i limiti di un serio confronto tra istituzione e sindacato, ed è per questo che abbiamo scritto al presidente Maroni chiedendo che la Regione si apra all’ascolto delle nostre proposte e dia strutturazione ad un calendario di incontri dedicati al check up della riforma”.