Via libera al reddito di inclusione
TORNA INDIETRO

Via libera al reddito di inclusione

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 9 Giugno 2017

Primo sì del Consiglio dei ministri al decreto legislativo che introduce in Italia “una misura nazionale di contrasto alla povertà”. Il provvedimento attua la delega approvata a marzo, rendendo operativo il Reddito d’inclusione (Rei). Ora il provvedimento dovrà acquisire i pareri delle commissioni parlamentari competenti.

L’ammontare del Rei andrà da un minimo di 190 a un massimo di 485 euro, a seconda di vari parametri e dei componenti dei nuclei familiari interessati. Inizialmente verranno privilegiati nuclei con figli minori, donne in gravidanza, figli con disabilità, ultra 55enni disoccupati. Le famiglie con queste caratteristiche sono circa 660.000 mila di cui 550.000 con figli minori.

La copertura finanziaria del provvedimento è quella del Fondo per la lotta alla povertà, attualmente di 1,7 miliardi, che verrà incrementato con altre risorse destinate in particolare all’inclusione attiva verso il lavoro (il 15% del Fondo) che porteranno anche all’assunzione di 600 addetti nei Centri per l’impiego.