Stati generali per la sanità in Valle Camonica
TORNA INDIETRO

Stati generali per la sanità in Valle Camonica

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 31 Ottobre 2016

pronto-soccorsoIeri un articolo nelle pagine dedicate alla provincia, oggi una lettera nello spazio del dialogo tra direttore e lettori.

Il Giornale di Brescia rimette a fuoco le preoccupazioni della Valle Camonica sugli ospedali camuni e più in generale sui servizi sanitari dopo che la riforma voluta dalla Giunta regionale del presidente Maroni ha subordinato la sanità camuna ad una programmazione centralizzata a Sondrio, in Valtellina.

È stata la Cisl – scriveva ieri il corrispondente da Edolo del giornale – a lanciare l’allarme sulla sanità in Valle Camonica, sempre più debole e impoverita”, riportando poi le parole del Presidente della Provincia di Brescia con l’annuncio degli “stati generali della sanità e dei servizi sociali delle autonomie locali, in modo da analizzare i problemi legati alla Valle, con particolare riguardo agli ospedali di Edolo ed Esine, con tavoli di coordinamento dove conferenza dei sindaci e rappresentanti di categoria”.

Oggi Arturo Minelli, che negli anni Ottanta fu presidente della Commissione sanità in Regione Lombardia, in una lettera densa di precisazioni e di stimoli rincara: “Nel piano inviato in Regione, la Valle, per quanto è dato di capire, rimarrebbe schiacciata sull’Ast di montagna e su Brescia e dintorni. Ne deriverebbe un ulteriore impoverimento delle prestazioni”.