Guarda la registrazione della  manifestazione che si è tenuta questa mattina in Piazza Duomo a Milano

clicca QUI

Pensioni, accordo tra Governo e sindacati
TORNA INDIETRO

Pensioni, accordo tra Governo e sindacati

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 28 Settembre 2016

Governo e sindacati hanno firmato un verbale condiviso sugli interventi sul sistema pensionistico che saranno messi in campo nei prossimi tre anni: l’anticipo pensionistico (Ape), l’intervento in favore dei cosiddetti lavoratori precoci, l’estensione e l’aumento della quattordicesima per i pensionati con i redditi più bassi.

Il Governo punta a destinare agli interventi sul sistema previdenziale 6 miliardi di euro in 3 anni.

La quattordicesima sarà estesa a 3,3 milioni di persone, ovvero ai pensionati con redditi complessivi personali fino 1.000 euro al mese. Si tratta quindi di quasi 1,2 milioni in più rispetto alla attuale platea di beneficiari.

Dopo tanti anni i pensionati vedono un po’ di giustizia. – ha dichiarato il segretario generale della Cisl Annamaria Furlan al termine del tavolo al ministero del Lavoro – Questo non significa che ci accontentiamo: il lavoro va avanti, restano ancora tante cose da fare, ma quello di oggi è un buon risultato”.

Assistiamo finalmente ad una presa di posizione – ha aggiunto il segretario generale dei Pensionati Cisl Gigi Bonfanti – con la quale i nostri pensionati ricevono qualcosa senza dare nulla in cambio. Aver ampliato il numero dei pensionati a cui andrà la 14esima , insieme all’equiparazione della no tax area tra lavoratori e pensionati sono due traguardi importantissimi per noi. E’ è il primo passo di un percorso che andrà avanti a partire da domani, sperando che le risorse a disposizione del Governo permettano di portare a compimento anche le altre nostre richieste, come la rivalutazione delle pensioni prevista nella fase del confronto”.