Mai più sprechi alimentari. Il cibo dovrà essere recuperato e donato a chi ne ha bisogno
TORNA INDIETRO

Mai più sprechi alimentari. Il cibo dovrà essere recuperato e donato a chi ne ha bisogno

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 3 Agosto 2016

la legge prevede un piano per il recupero delle eccedenze alimentari nelle menseApprovata definitivamente dal Senato la legge contro gli sprechi alimentari. La legge punta all’incremento del recupero e della donazione delle eccedenze alimentari, con priorità della loro destinazione per l’assistenza agli indigenti. Allo stesso tempo si favorisce il recupero di prodotti farmaceutici e altri a fini di solidarietà sociale. Importante anche il contributo alla limitazione degli impatti negativi sull’ambiente e all’educazione dei cittadini per diminuire gli sprechi alimentari.

Questa legge ”è una delle più belle e concrete eredità di Expo Milano 2015 – ha commentato il ministro dell’agricoltura Maurizio Martina – ed è una traduzione in fatti dei principi della Carta di Milano. Un provvedimento che conferma l’Italia alla guida della lotta agli sprechi alimentari, che ancora oggi hanno proporzioni inaccettabili: 12 miliardi di euro solo nel nostro Paese. Ci avviciniamo sempre di più all’obiettivo di recuperare 1 milione di tonnellate di cibo e donarle a chi ne ha bisogno attraverso il lavoro insostituibile degli enti caritativi”.

 

Le principali novità della legge

SEMPLIFICAZIONE BUROCRATICA – Donare diventa più semplice grazie alle disposizioni di carattere tributario e finanziario della legge. Le disposizioni si aggiungono a quelle già contenute nella legge di Stabilità 2016 che ha alzato la soglia di comunicazione della donazione da 5 a 15 mila euro.

RAFFORZATO TAVOLO INDIGENTI – Viene potenziato il ruolo del Tavolo indigenti del Mipaaf, che vedrà la partecipazione anche delle organizzazioni agricole insieme a enti caritativi, industria e grande distribuzione già rappresentate. Previsto un finanziamento di 2 milioni di euro per l’acquisto di alimenti da destinare agli indigenti. Il Mipaaf ha già avviato un’attività virtuosa di recupero degli sprechi e donazione agli indigenti. Proprio da poche ore è attivo il bando Agea per l’acquisto di latte crudo da trasformare in UHT e donare ai bisognosi. Si tratta della prima tranche da 2 milioni del piano complessivo di acquisti da 10 milioni.

SOSTEGNO ALL’INNOVAZIONE CONTRO LO SPRECO – Si istituisce un Fondo presso il Ministero con dotazione di 1 milione di euro per ciascuno degli anni 2016, 2017 e 2018, destinato al finanziamento di progetti innovativi – che possono prevedere il coinvolgimento di volontari del Servizio civile nazionale – finalizzati alla limitazione degli sprechi e all’impiego delle eccedenze, nonché per promuovere la produzione di imballaggi riutilizzabili o facilmente riciclabili.

PER I COMUNI – Possibilità di incentivare chi dona agli indigenti con uno sconto sulla Tari. Viene inoltre prevista la definizione di ‘eccedenze’ e ‘sprechi alimentari’. In caso di confisca di prodotti alimentari, inoltre, l’autorità da oggi disporrà la cessione gratuita con priorità all’alimentazione dei più bisognosi o successivamente come mangime per animali.

LINEE GUIDA PER LA RIDUZIONE DEGLI SPRECHI NELLE MENSE – Il Ministero della Salute potrà emanare Linee guida per gli enti gestori di mense scolastiche, aziendali, ospedaliere, sociali e di comunità, al fine di prevenire e ridurre lo spreco connesso alla somministrazione degli alimenti.