Guarda la registrazione del convegno  E’ POSSIBILE SUPERARE L’OSTACOLO DELLE PAURE? clicca QUI

Iveco, nuovo accordo sui contratti di solidarietà. Si punta al rilancio definitivo
TORNA INDIETRO

Iveco, nuovo accordo sui contratti di solidarietà. Si punta al rilancio definitivo

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 8 Luglio 2016

ivecoCertezza occupazionale. E’ il concetto di fondo perseguito dalla Fim Cisl e dalle altre sigle sindacali che oggi hanno sottoscritto con la direzione dell’Iveco un nuovo accordo per 8 mesi (a partire dal 22 agosto) di contratto di solidarietà: interessa poco meno di 2.000 lavoratori con una riduzione d’orario mensile del 23% ed un proporzionale riduzione della retribuzione.

La necessità di ricorrere ancora ai contratti di solidarietà – spiega Alessandra Daminai, segretario provinciale dei metalmeccanici Cisl – è dovuta dal fatto che permangono ancora delle eccedenze nella forza lavoro, anche se l’accordo sottoscritto l’anno scorso che partiva dal conteggio di 850 esuberi ha avuto una risposta molto positiva”.

Ad oggi infatti sono 466 le eccedenze gestite facendo leva sui trasferimenti a base volontaria nello stabilimento Iveco di Suzzara, sul reimpiego in lavorazioni prima esternalizzate e oggi riportate all’interno dell’azienda, sull’uscita incentivata.

Il nuovo accordo tra azienda e sindacato consentirà di proseguire nella incentivazione ai trasferimenti volontari (56 quelli già perfezionati e che si concretizzeranno entro fine anno), nella internalizzazione delle lavorazioni (116 i dipendenti che troveranno così reimpiego), nelle uscite incentivate (ne sono previste 20), nel ricorso a strumenti di accompagnamento alla pensione per chi ne ha maturato i requisiti (90 i lavoratori interessati).