Brevivet licenzia. Sciopero e volantinaggio dei lavoratori in centro città
TORNA INDIETRO

Brevivet licenzia. Sciopero e volantinaggio dei lavoratori in centro città

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 2 Luglio 2016

Brevivet è una delle storiche agenzie del turismo religiosoSciopero di 4 ore e volantinaggio in centro città. Sarà attuato lunedì 4 luglio dai lavoratori della Brevivet, storico operatore del turismo religioso con sedi a Brescia (20 dipendenti tra l’ufficio di via Monti e quello di via Trieste) e Milano (4 dipendenti) dopo che il Consiglio di amministrazione della società ha dato il via libera a tre licenziamenti. Una decisione che Fisascat Cisl e Uiltcus contestano duramente perché assunta senza alcun confronto con i rappresentati dei lavoratori e senza nemmeno prendere in considerazione l’idea di percorsi alternativi alla mobilità.

UNA CRISI CHE VIENE DA LONTANO

Passata dai 45 dipendenti del 2011 ai 24 di oggi, Brevivet non sembra ancora essere uscita dalle gravi difficoltà legate alla crisi economica degli ultimi anni e al venire meno di standard di sicurezza adeguati nelle tradizionali mete del turismo religioso in Medio Oriente che da sempre costituisce la base del business di questo operatore.

LICENZIAMENTI, SCORCIATOIA PERICOLOSA

La strada scelta da Brevivet per far quadrare i bilanci è purtroppo, ancora una volta, quella della riduzione del costo della forza lavoro; una scorciatoia pericolosa, denunciano i sindacati, perché mortifica il sacrificio e il contributo chiesto ai dipendenti in questi ultimi anni per il rilancio dell’impresa e mostra da parte della proprietà – composta dalle Diocesi di Brescia, Bergamo, Mantova e Cremona; dall’Opera diocesana pellegrinaggi di Lugano e dalla Compagnia di San Paolo – segnali di chiusura del dialogo estremamente preoccupanti.