I sindacati al Ministro Orlando: urgono interventi sull’organico degli uffici giudiziari

orlandocdm_400_d0-600x300La presenza domani a Brescia del Ministro della Giustizia potrebbe diventare, al termine delle celebrazioni per l’anniversario della strage di Piazza Loggia, occasione di un breve incontro con una delegazione sindacale di Cisl Funzione Pubblica, Fp Cgil e Uil Flp. In tal senso i segretari generali hanno inviato una richiesta al ministro Orlando per rappresentargli le difficoltà di organico in cui versa l’amministrazione della giustizia nel nostro territorio.

“La situazione è condizionata da sempre da una dotazione organica sottostimata – scrivono i sindacati – perché i fabbisogni non hanno mai tenuto in alcun conto della reale dimensione del territorio, del numero degli abitanti, dello sviluppo delle attività produttive, del numero di imprese e di lavoratori, oltre alla presenza preziosa e laboriosa di cittadini immigrati che si rivolgono anch’essi alla pubblica amministrazione e che oggi rappresentano più di un terzo della popolazione”.

 

BRESCIA E’ PENALIZZATA

Un semplice raffronto tra i dati di organico di Brescia – dove la Corte d’Appello ha competenza su quasi la metà del territorio lombardo – evidenzia macroscopiche differenze.?”Questo sottodimensionamento degli organici è purtroppo diffuso in tutta la pubblica amministrazione bresciana, ma per l’amministrazione della giustizia assume carattere di emergenza sia per gli uffici giudiziari che per gli uffici penitenziari, compreso l’ufficio per le esecuzioni esterne”.

 

CARENZE DI ORGANICO E RIDUZIONE DEI SERVIZI
FONTE DI TENSIONE PER I CITTADINI

Al ministro Orlando le organizzazioni di rappresentanza dei lavoratori chiedono di intervenire a risolvere una situazione che penalizza cittadini e lavoratori e che rischia di creare tensioni che si sommano a quelle dovute alla riduzione dei servizi ai cittadini sul territorio.

“I lavoratori affrontano quotidianamente queste difficoltà – concludono i sindacati nella richiesta di incontro al Ministro della Giustizia – senza avere risposte sulle loro condizioni di lavoro, difficoltà che si sommano all’assenza del contratto e di riconoscimento professionale”.

Etichette: , , , , , , , ,

CISL BRESCIA: Uffici aperti. Accessi in sicurezza regolati su prenotazione allo 030 3844 511