Ubi Banca, assemblea dei soci. First Cisl: una banca deve produrre utili ma anche fiducia
TORNA INDIETRO

Ubi Banca, assemblea dei soci. First Cisl: una banca deve produrre utili ma anche fiducia

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 2 Aprile 2016

andrea battistini (first cisl) all'assemblea dei soci ubi bancaOltre 1.500 soci, in rappresentanza del 46,86% del capitale sociale, sono intervenuti questa mattina negli spazi della Fiera di Bergamo alla prima assemblea di Ubi Banca dopo la trasformazione dell’istituto da banca popolare a società per azioni.

Il dibattito – che ha preceduto il via libera alla distribuzione di un dividendo pari a 11 centesimi per azione – ha affrontato i temi delle possibili, necessarie fusioni, e quello della cosiddetta banca unica.

 

Tra le voci che si sono alternate al microfono anche quella dei lavoratori: ad intervenire è stato Adrea Battistini della First Cisl. Se è vero che il fine di una società per azioni è quello di massimizzare i profitti è altrettanto vero che gestire una banca non è come vendere prodotti qualsiasi: “Una banca è una comunità di persone – ha detto il sindacalista – che vende principalmente fiducia. Occorre dunque coniugare le esigenze degli investitori con i valori e la storia che caratterizzano il Gruppo Ubi, il ruolo sociale delle banche, gli interessi dei dipendenti, dei territori, delle imprese, dei fornitori, dei clienti e di tutti gli altri portatori d’interesse”.

 

Clicca Qui per leggere il testo dell’intervento First Cisl

 

assemblea soci di ubi banca 2.4.2016La sorpresa dell’assemblea è venuta dal voto sul consiglio di sorveglianza. Contro ogni previsione si è affermata la lista di minoranza dei fondi d’investimento (51,1%) rispetto a quella di maggioranza sostenuta dal patto di sindacato che raggruppa gli azionisti storici (48,88%).