Firmato in Palazzo Loggia un protocollo per la legalità in edilizia
TORNA INDIETRO

Firmato in Palazzo Loggia un protocollo per la legalità in edilizia

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 14 Marzo 2016

Firma protocollo della legalità nell'edilizia, Brescia 14 marzo 2016

Nella sala della Giunta di Palazzo Loggia è stato formalizzato oggi un protocollo d’intesa per il rafforzamento della legalità nell’edilizia pubblica e privata. Il documento è stato sottoscritto da Comune di Brescia, Collegio costruttori Edili, Cassa assistenziale paritetica edile e organizzazioni sindacali dei lavoratori edili (Filca Cisl, Feneal, Uil, Fillea Cgil). L’obiettivo del protocollo è garantire una corretta dinamica concorrenziale tra i soggetti economici coinvolti al fine di assicurare la legalità nel settore edilizio.

CONTRASTARE LA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA

Le istituzioni pubbliche locali e le parti sociali – si legge nella nota pubblicata dal Comune di Brescia nel proprio sito internet – collaborano con la volontà di contribuire alla realizzazione dell’interesse pubblico per la legalità, in particolare nei settori produttivi più esposti, come quello edilizio, a partire dalla garanzia del pieno rispetto della disciplina legislativa in materia di lavoro e di regolarità contributiva e assicurativa all’interno dei luoghi di lavoro e dei cantieri, quali strumenti finalizzati a contrastare, oltre al lavoro irregolare in ogni sua forma, anche le pressioni della criminalità organizzata nel settore edile.

ILLEGALITÀ = INSICUREZZA

“Nel settore dell’edilizia – si legge nella delibera del Comune di Brescia – sia nell’ambito degli appalti pubblici sia in quello degli interventi promossi dai privati, il lavoro irregolare, l’evasione contributiva e fiscale e il mancato puntuale rispetto del contratto collettivo di lavoro rischiano di consolidarsi producendo un grave danno per la libera concorrenza tra le imprese, per la qualità delle opere, per la sicurezza dei lavoratori, per le stesse condizioni retributive e di lavoro dei dipendenti, creando i presupposti perché si verifichino tentativi di estorsione, corruzione e pressione da parte di organizzazioni criminali.

Per questo, le parti che hanno sottoscritto il protocollo si impegnano ad incrementare, ciascuno nell’ambito delle proprie competenze e nel rispetto delle rispettive autonomie, il controllo del rispetto della legalità nell’edilizia, sia negli appalti pubblici di lavori edili sia nell’edilizia privata.

 

clicca qui per scaricare il testo del protocollo