Pensioni, il problema è la perdita del potere d’acquisto. Fnp, Spi e Uilp: il Governo intervenga
TORNA INDIETRO

Pensioni, il problema è la perdita del potere d’acquisto. Fnp, Spi e Uilp: il Governo intervenga

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 10 Marzo 2016

“Pensioni, ora servono nuove azioni per tutelare il potere d’acquisto”. E’ il titolo principale della quindicinale rubrica che i Pensionati bresciani di Cgil Cisl Uil pubblicano il giovedì sulle pagine del quotidiano Bresciaoggi. In attesa di “un nuovo e auspicabilmente definitivo pronunciamento della Corte costituzionale” sul ricorso di alcuni pensionati che contestano l’inadeguatezza dei rimborsi dopo che la Consulta stessa aveva stabilito l’illegittimità del blocco della perequazione delle pensioni decisa nel 2012, la questione di fondo posta dalle organizzazioni sindacali è la necessità di un confronto strutturale con il Governo per individuare i “meccanismi più idonei a salvaguardare, nel tempo, il valore degli assegni pensionistici”.

Il secondo articolo della rubrica è dedicato allo spettacolo che il Coordinamento donne Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil hanno organizzato in occasione della Giornata della donna.