Dispersione scolastica, problema di tutti. Leggi di più

Il giallo di Marcheno porta verso il fallimento la fonderia Bozzoli
TORNA INDIETRO

Il giallo di Marcheno porta verso il fallimento la fonderia Bozzoli

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 27 Dicembre 2015

Il giallo dela fonderiaUn incontro urgente con il Procuratore capo di Brescia Tommaso Buonanno. E’ quanto torna a chiedere la Fim Cisl di Brescia sul futuro della fonderia Bozzoli di Marcheno. L’azienda è sotto sequestro da inizio ottobre dopo la scomparsa del titolare, Mario Bozzoli, rubricata ormai come omicidio dagli inquirenti che hanno emesso avvisi di garanzia a carico di due nipoti e due dipendenti.

Se le indagini sembrano avere preso una svolta, ancora nulla è dato sapere sulle intenzioni della Procura rispetto alla ripresa produttiva della fabbrica. “L’azienda rischia il fallimento – ripete Stefano Olivari della Segreteria provinciale della Fim Cisl intervistato dal cronista del Corriere della Sera – e per i 16 lavoratori e altrettante famiglie queste sono feste di assoluta incertezza”.

La fonderia, che prima del delitto presentava conti in attivo – scrive il giornale – resta sotto sequestro e nessuno sa se e quando l’attività potrà riprendere. Aggiunge Olivari: “Il rischio è quello di trovarci un’azienda in liquidazione. La proprietà ha pagato le tredicesime, ma non può dare certezze per il futuro. La produzione è ferma da più di due mesi”.