Il lavoro nero ruba alla collettività 25 miliardi di euro
TORNA INDIETRO

Il lavoro nero ruba alla collettività 25 miliardi di euro

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 22 Agosto 2015

lavoro neroOgni anno in Italia circa 2 milioni di lavoratori – muratori, braccianti, colf, cuochi e camerieri – sono completamente sconosciuti alle autorità pubbliche. E’ l’esercito del lavoro nero, una economia sommersa di 41 miliardi e 837 milioni di euro di retribuzioni con una evasione complessiva di imposte e contributi pari a 25 miliardi di euro  E’ quanto emerge da uno studio della Fondazione Studi dei Consulenti del Lavoro su dati delle ispezioni concluse da Ministero del Lavoro, Inps e Inail nell’anno 2014 e nel primo semestre 2015.

I DATI
Nel corso del 2014 sono state ispezionate 221.476 aziende da Ministero del lavoro, Inps e Inail. Da quest’attività di vigilanza sono stati scoperti 77.387 rapporti di lavoro non denunciati, quindi gestiti “in nero”. Si tratta di una percentuale del 34,94%.

Nel primo semestre 2015 è andata un po’ meglio, ma su 106.849 imprese ispezionate da Ministero del Lavoro, Inps e Inail, sono stati individuati circa 31.394 lavoratori totalmente “in nero”, ossia il 29,38%.

Ogni tre aziende ispezionate si scopre un lavoratore totalmente non registrato.

25 MILIARDI DI EVASIONE
In media un lavoratore ha 241 giornate l’anno di lavoro retribuite e la retribuzione media giornaliera è pari a 86,80 euro. Se si considera la media delle giornate sottratte agli oneri sociali, il mancato gettito da lavoro sommerso è pari a circa 25 miliardi di euro, un punto e mezzo di Prodotto interno lordo