GOL: riqualificareformare, reinserire al lavoro. Dalla Regione un assist (clicca QUI) che mancava

 

Edilizia residenziale pubblica, la Cisl contro il progetto di legge regionale
TORNA INDIETRO
anolffnpsicet

Edilizia residenziale pubblica, la Cisl contro il progetto di legge regionale

< 1 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 15 Giugno 2015

case popolariCome si esce dalla crisi del sistema d’offerta e di gestione delle case popolari in Lombardia? Se diventasse legge la bozza predisposta dall’assessorato regionale alla casa, si rischierebbe un disastro, tutto a danno delle fasce sociali più svantaggiate e bisognose di un alloggio pubblico, mettendo inoltre in difficoltà i Comuni nella gestione locale dell’emergenza abitativa.

Cisl, Sicet, Fnp e Anolf della Lombardia lo scrivono in una lettera aperta pubblicata nei giorni scorsi su Avvenire, Corriere della Sera e Repubblica. “E’ evidente che qualcuno pensa che troppa povertà nell’utenza delle case popolari – scrivono i sindacati – riduce le entrate da canoni e minaccia l’equilibrio finanziario delle aziende, perciò bisogna scartarne una parte”.

 

LEGGI QUI IL TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA

 

Una scelta sbagliata – concludono i firmatari – da rivedere negli obiettivi e nei contenuti, tornando alla originaria missione di servizio verso le fasce sociali meno abbienti cui è destinata l’edilizia residenziale pubblica. Mettere quote d’accesso ai diritti, non può essere accettato come il nuovo modello dell’azione pubblica sulla casa. Con la cultura dello “scarto” non si affrontano i problemi sociali”.
La Cisl ha rivolto un appello ai Vescovi lombardi perché si incoraggi una riflessione che spinga la politica regionale ad una più giusta attenzione alle ragioni e ai doveri di un impegno di solidarietà e responsabilità verso le molte famiglie e persone in stato di bisogno.