Appello della Cisl ad artigiani e piccole imprese: fermate i licenziamenti
TORNA INDIETRO

Appello della Cisl ad artigiani e piccole imprese: fermate i licenziamenti

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 23 Maggio 2015

Appello della Cisl bresciana ad arigiani e piccole imprese (2)I segnali di una possibile ripresa economica e produttiva si fanno sempre più concreti. Eppure in diverse realtà della piccola impresa si stanno avviando procedure di licenziamento per centinaia di lavoratori. La Cisl provinciale lancia un appello perché si verifichino, insieme, tutte le strade possibili per evitare di mandare all’aria gli sforzi fatti in questi anni di crisi per salvare lavoro e occupazione.

MANCA IL RIFINANZIAMENTO
DELLA CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA
Oggi purtroppo sono in crisi proprio quegli ammortizzatori sociali – come la cassa integrazione in deroga – che nel lungo periodo di crisi che ha attraversato l’economia ed il lavoro hanno consentito di dare tutela a migliaia di lavoratori.

Il problema è quello del rifinanziamento dello strumento della cassa in deroga che registra pesanti ritardi da parte del Governo centrale e una resistenza di Regione Lombardia a garantire, come avvenuto in passato, gli anticipi necessari.

 

NO AI LICENZIAMENTI
La Cisl di Brescia si è fortemente impegnata in questi anni nell’accompagnare molte aziende artigiane ad affrontare il periodo di crisi con gli accordi di cassa in deroga, consentendo loro di poter mantenere in azienda una forza lavoro che è ricchezza fondamentale delle piccole imprese. Per questo motivo, così come avevamo fatto all’inizio della crisi, garantendo tutto il nostro impegno e coinvolgimento per trovare soluzioni alternative alla mobilità, riteniamo a maggior ragione oggi di poter chiedere alle associazioni imprenditoriali di categoria, agli imprenditori stessi e ai loro consulenti, di evitare l’apertura di procedure di licenziamento.

 

SI LAVORI INSIEME PER COSTRUIRE UN PONTE
TRA VECCHI E NUOVI AMMORTIZZATORI SOCIALI
Nei primi giorni di giugno sarà infatti emanato il decreto di riforma degli ammortizzatori sociali che dovrebbe consentire ad artigiani e piccole imprese di poter contare su nuovi strumenti di tutela per i lavoratori. Nel contempo come organizzazioni sindacali siamo impegnati a livello regionale per ottenere dalla Giunta di Palazzo Lombardia la creazione di un “ponte” che consenta di traguardare le vecchie forme di cassa in deroga ai nuovi strumenti.

 

NON SI POSSONO VANIFICARE GLI SFORZI FATTI FINO AD OGGI
La Cisl di Brescia ritiene indispensabile non vanificare gli sforzi fatti fino ad oggi per evitare di incrementare la disoccupazione derivante da questo settore. A tal fine si rende disponibile a trovare soluzioni contrattuali, anche attraverso una gestione coerente degli orari di lavoro che consenta di mantenere l’occupazione.