Guarda la registrazione del convegno  E’ POSSIBILE SUPERARE L’OSTACOLO DELLE PAURE? clicca QUI

Fim Cisl: impennata di licenziamenti nel secondo semestre 2014
TORNA INDIETRO

Fim Cisl: impennata di licenziamenti nel secondo semestre 2014

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 4 Febbraio 2015

officina metalmeccanicaSono 6.035 i lavoratori metalmeccanici bresciani direttamente colpiti dalla crisi: 2.254 addetti sono alle prese con la cassa integrazione ordinaria, 3.396 dalla cassa integrazione straordinaria,385 dalla procedura di mobilità.

E’ quanto emerge dal 38° Rapporto congiunturale sulle situazioni di crisi, presentato oggi dalla Fim Lombardia, un’indagine che ogni sei mesi rileva sistematicamente i dati nelle circa 7.000 aziende del settore (111 nel bresciano) che impiegano complessivamente nella nostra regione oltre 550.000 lavoratori (7.981 nella nostra provincia).

Per quanto riguarda i dati bresciani del Rapporto, significativo è anche il numero dei lavoratori interessati dai contratti di solidarietà: 2.897 nelle 11 fabbriche che hanno fatto ricorso a questo ammortizzatore

Nonostante qualche timido segnale di ripresa, l’industria lombarda non riesce a vedere la fine del tunnel della crisi. Sono 1.633 le aziende che anche nel secondo semestre 2014 hanno dovuto ricorrere agli ammortizzatori sociali. Oltre 40.000 i lavoratori coinvolti e di questi ben 5.843 sono stati licenziati.

L’utilizzo della cassa integrazione è leggermente diminuito – spiega Nicola Alberta, segretario generale Fim Lombardia – ma si registra una preoccupante impennata dei licenziamenti, in aumento del 72% rispetto a fine giugno (erano 3.397) e del 42% rispetto fine 2013. Complessivamente sono 9.240 i lavoratori messi in mobilità e quindi licenziati nel 2014. E’ un segno del fatto che la crisi che colpisce le piccole imprese ma anche della crescente deresponsabilizzazione di diverse aziende rispetto all’impatto sociale delle loro scelte”.

La cassa integrazione straordinaria vede interessati negli ultimi sei mesi 12.690 lavoratori rispetto ai 17.091 del semestre precedente (-25,7%), ma il valore assoluto dei sospesi si mantiene molto elevato, intorno alle 30.000 unità annue. Il 13,79% degli interventi di cigs è costituito dalla cassa integrazione in deroga, che cala (-39,5%) ma solo a causa della maggiore selettività dei requisiti. In lieve diminuzione anche la cassa integrazione ordinaria (-9,3%), che nel semestre interessa 22.082 lavoratori, contro i 24.348 rilevati a fine giugno.

“Va osservato l’utilizzo sempre elevato di cigs e mobilità – sottolinea Alberta -, che evidenzia la persistenza della crisi di natura strutturale, con sospensioni di lungo periodo e assenza di prospettive e addirittura di drastica interruzione dei rapporti di lavoro, che complessivamente coinvolge ben 685 aziende e 18.533 lavoratori”.

Fa da controtendenza il costante aumento dei contratti di solidarietà: 47 aziende e 7.186 lavoratori in più rispetto al semestre precedente. Sono quindi ben 253 gli accordi di solidarietà stipulati negli ultimi 24 mesi, per 30.934 lavoratori, che portano a salvare oltre 9.000 posti di lavoro.

“Occorre avviare al più presto un confronto in Regione sul rilancio del settore manifatturiero,– conclude il segretario generale della Fim Lombardia – per attuare strategie di sviluppo, favorire l’accesso al credito per gli investimenti industriali e le innovazioni. Bisogna tutelare sempre di più il lavoro, vincolando le imprese alla presentazione di piani sociali per l’occupazione, rafforzando adeguatamente la cassa integrazione in deroga, per assicurare protezione ai lavoratori delle piccole aziende, e favorendo l’utilizzo della cassa integrazione straordinaria nelle procedure fallimentari, per consentire la continuità produttiva e il subentro di nuovi”.