Nuove etichette per i prodotti alimentari: più leggibili e più complete
TORNA INDIETRO

Nuove etichette per i prodotti alimentari: più leggibili e più complete

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 14 Dicembre 2014

etichettaPiccola, importante rivoluzione sugli scaffali di negozi e supermercati, con etichette più precise, più trasparenti, più complete e  leggibili . E’ partita ieri anche in Italia l’applicazione del regolamento comunitario che uniforma in tutti i Paesi dell’Unione Europea le informazioni chiave sulla composizione del prodotto acquistato, aumentando così  la tutela della salute per i consumatori e la lotta contro le contraffazioni.

CARATTERI BEN VISIBILI – Oltre all’obbligo di caratteri ‘ben visibili’, con grandezza definita in base alle dimensioni della confezione, tra le novità delle nuove etichette ci sarà una maggiore evidenza sulla presenza di sostanze allergizzanti o che procurano intolleranze, l’indicazione del tipo di oli e grassi utilizzati, la data di congelamento e le informazioni sullo stato fisico degli ingredienti utilizzati. Non sarà per esempio più possibile utilizzare il termine ‘latte’ se si usa latte in polvere o proteine del latte.

ANCE AL RISTORANTE (E AL BAR) INFORMAZIONI PIU’ CHIARE – Le disposizioni riguardano sia gli alimenti pre-imballati che quelli sfusi, imponendo quindi anche a ristoranti e attività di somministrazione di alimenti e bevande (mense, bar, ecc.) la comunicazione di allergeni tramite adeguati supporti ben visibili (menu’ cartello, lavagna o registro).

LUCE ANCHE SUI METODI DI LAVORAZIONE – Altre importanti novità in etichetta saranno l’inserimento dei metodi di lavorazione utilizzati per alcuni prodotti, come quelli decongelati, caratteristica che ora dovrà essere indicata in etichetta, e l’obbligo di specificare il tipo di oli e grassi vegetali contenuti. Sarà invece obbligatoria dal 13 dicembre 2016 la dichiarazione nutrizionale, mentre da aprile 2015 anche per le carni suine, ovine, caprine ed il pollame dovrà figurare sulla confezione il luogo di allevamento e macellazione, obbligo al momento in vigore solo per la carne bovina.