Alla Artsana di Verolanuova, 40 assunzioni a tempo indeterminato
TORNA INDIETRO

Alla Artsana di Verolanuova, 40 assunzioni a tempo indeterminato

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 11 Ottobre 2014

Artsana-logoAlla Artsana di Verolanuova, Femca Cisl e Rsu (composta da 1 lavoratore eletto nelle liste della Femca Cisl e 2 eletti nelle liste della Filctem Cgil) hanno raggiunto un accordo con la direzione aziendale che prevede l’assunzione di 40 persone a tempo indeterminato e la volontà di far riportare in Italia produzioni delocalizzate negli scorsi anni in Cina.

SU DUE VOCI DEL SALARIO AL 100% IN CINQUE ANNI – Per i nuovi assunti, su due punti salariali – indennità di stampaggio e premio di produzione – è prevista una progressività che arriverà al 100% a partire dal quinto anno di presenza in fabbrica. Ai nuovi assunti sarà invece normalmente erogato il premio di risultato pari a 1.750 euro.

UN BUON RISULTATOUn accordo importante – spiega Rino De Troia della Segreteria provinciale della Femca Cisl di Brescia – perché si parla di assunzioni stabili, perché abbiamo ottenuto la progressività di due voci contrattuali che inizialmente l’azienda nemmeno voleva considerare per i nuovi assunti, perché si inserisce in una prospettiva di mantenimento e di rafforzamento dell’attività produttiva”.

MEGLIO PRECARI PER CGIL E UIL? –  L’accordo non è stato firmato dalla Filctem Cgil (mentre i suoi due rappresentanti della Rsu hanno siglato l’intesa) e dalla componente Uil per i quali l’accordo introduce ‘disuguaglianze’.
La peggiore disuguaglianza è quella che patisce chi è senza lavoro – risponde Beppe Marchi, segretario provinciale della Femca Cisl di Brescia – mentre l’accordo Artsana di posti di lavoro ne crea tanti e a tempo indeterminato. Probabilmente Cgil e Uil preferivano contratti precari. Noi no, la Cisl lavora per mantenere e stabilizzare i posti di lavoro, inserendo le flessibilità necessarie in questa particolare situazione economica ma dando ai lavoratori la certezza dell’occupazione”.