Guarda la registrazione del convegno  E’ POSSIBILE SUPERARE L’OSTACOLO DELLE PAURE? clicca QUI

Benzine, da sabato l’applicazione di un’accisa di 0,24 centesimi al litro
TORNA INDIETRO

Benzine, da sabato l’applicazione di un’accisa di 0,24 centesimi al litro

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 27 Febbraio 2014

Da sabato 1 marzo verrà applicata sul prezzo di benzina e gasolio una nuova accisa, vale a dire una imposta diretta sui carburanti. Sarà di 0,24 centesimi al litro sia per la benzina che per il gasolio e considerando che su di esse grava un’Iva al 21%, l’aumento sarà di 0,34 centesimi al litro.

Per un’automobile che percorre in media circa 15.000 km all’anno è stato calcolato che l’aumento dei costi di carburante da gennaio a dicembre sarà di 13 euro per la benzina e di 17 euro per il gasolio.

L’accisa in questione – ricorda Adiconsum in un comunicato – rientra nel “Decreto del fare” presentato dal Governo nell’estate 2013 e successivamente approvato dal Parlamento per finanziare alcuni interventi di rilancio dell’economia, dai finanziamenti alle imprese al credito d’imposta per il settore cinematografico, al rilancio della nautica e della produttività del sistema portuale.

Complessivamente sono 18 le accise che gravano sui carburanti: la più vecchia fu introdotta nel 1935 per finanziare la guerra in Etiopia e non è stata mai più tolta.

Elenco delle accise in vigore:
• 1,90 lire: finanziamento guerra di Etiopia del 1935;
• 14 lire: finanziamento crisi di Suez del 1956;
• 10 lire: finanziamento disastro del Vajont del 1963;
• 10 lire: finanziamento alluvione di Firenze del 1966;
• 10 lire: finanziamento terremoto del Belice del 1968;
• 99 lire: finanziamento terremoto del Friuli del 1976;
• 75 lire: finanziamento terremoto dell’Irpinia del 1980;
• 205 lire: finanziamento guerra del Libano del 1983;
• 22 lire: finanziamento UNMIBH in Bosnia Erzegovina del 1996;
• 0,020 euro:rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri del 2004
• 0,005 euro: acquisto autobus ecologici nel 2005
• da 0,0071 a 0,0055 euro: fondo unico spettacolo nel 2011
• 0,04 euro: arrivo immigrati dopo la crisi libica del 2011
• 0,0089 euro: alluvione Liguria e Toscana nel 2011
• 0,082 euro: decreto “Salva Italia” nel 2011
• 0,02 euro: terremoto dell’Emilia del 2012
• 0,24 euro: “Decreto del fare” del 2013