Bassa bresciana e lago di Garda a rischio mafia. Allarme del procuratore nazionale

L´infiltrazione mafiosa riguarda tutta la Lombardia, non solo il distretto di Milano ma anche quello di Brescia, che è una zona a rischio”. Ad affermarlo è il procuratore nazionale antimafia, Franco Roberti, oggi a Milano per l’audizione alla commissione parlamentare antimafia.

Abbiamo sollecitato una riflessione sull’opportunità di rafforzare le strutture di Brescia – ha aggiunto Roberti – considerato che nella regione più grande d’Italia il solo centro della Direzione Investigativa Antimafia è a Milano e lavora con risorse abbastanza esigue”.

Nel corso dell’audizione è emerso che si sta presentando un fenomeno di «nuova ´ndrangheta», riscontrato in particolare nella zona costiera dell’Emilia-Romagna e nella Bassa bresciana fino al Garda con proiezioni verso il Veneto.

Etichette: , , , , ,