Perchè le politiche per il Mezzogiorno sono state un fallimento?

coverLa Cisl di Brescia e la Cooperativa Cattolica Democratica di Cultura organizzano la presentazione del libro di Carlo Borgomeo “L’equivoco del Sud”. E’ in programma martedì 8 ottobre (ore 20,45) nella Sala Bevilacqua in via Pace, 10 a Brescia. Con l’autore – che negli anni Settanta è stato tra i protagonisti della Cisl bresciana – discuteranno le tesi del libro il sociologo Aldo Bonomi e don Giacomo Panizza, bresciano d’origine ma da oltre trent’anni in Calabria dove ha fondato la Comunità Progetto Sud.

 

La locandina dell’iniziativa con la presentazione del tema e dei relatori

 

IL LIBRO – Parlare di Mezzogiorno è diventato perfino noioso: l’impressione è che sia una questione irrisolvibile. Metà degli italiani pensa che al Sud siano stati dati troppi soldi; l’altra metà denuncia l’insufficienza delle risorse e l’incoerenza delle politiche adottate. Al di là di interventi sbagliati, sprechi, incapacità, c’è stato un errore di fondo: condannare il Sud a inseguire il livello di reddito del Nord, a importare modelli estranei alla cultura e alle tradizioni e a sviluppare, di fatto, una dimensione politica di dipendenza. Per spezzare questa logica bisogna introdurre una profonda discontinuità, a partire dalla consapevolezza della natura vera del divario. Il Sud è meno ricco del Nord, ma la distanza più grave è nei diritti di cittadinanza, nella scuola, nei servizi sociali, nella cultura della legalità. È da qui che bisogna ripartire convincendosi che la coesione sociale è una premessa, non un effetto dello sviluppo.

Etichette: , , ,