A Bassano Bresciano la protesta dei lavoratori del gruppo Ideal Standard

ideal standardDopo la brusca interruzione del confronto i sede ministeriale, laa mobilitazione in difesa dei 460 posti di lavoro dello stabilimento friulano dell´Ideal Standard è approdata nella Bassa bresciana.

Gli operai hanno presidiato l´ingresso della piattaforma logistica di Bassano Bresciano in occasione delle otto ore di sciopero proclamate in tutti gli stabilimenti del gruppo. La decisione di chiudere la linea produttiva di Orcenico è inaccettabile – ha ribadito Rino De Troia della Segreteria Femca Cisl di Brescia – sia per le modalità che l’azienda ha scelto in atto che per le motivazioni che ha portato.

I vertici della Ideal Standard hanno interrotto ogni comunicazione con i sindacati e messo in discussione l´intero sistema di relazioni industriali del gruppo. Comportamenti gravi che ci hanno costretto allo sciopero.
Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec Uil hanno anche manifestato preoccupazione per le ricadute sulla filiera produttiva Ideal Standard: oggi non sembrano esserci rischi per la struttura logistica di Bassano Bresciano che occupa 54 addetti – hanno fatto osservare i sindacalisti facendo riferimento all’intenzione del gruppo di affittare da Arcese l’intera struttura logistica bresciana – certo è che se Ideal Standard privilegia la chiusura delle aziende agli investimenti sull´innovazione, il futuro diventa incerto per tutti.

Etichette: , , , ,