Bufera giudiziaria sullo Sportello immigrazione, i Sindacati accusano

Cosa avrebbero dovuto fare? Bloccare ogni loro funzione in attesa di istruzioni operative puntuali ed esaurienti, che non sono mai arrivate e rischiare la denuncia di interruzione di pubblico servizio?”. E’ una domanda polemica quella che emerge dal documento diffuso dalle organizzazioni sindacali al termine dell’assemblea dei lavoratori dello Sportello Unico Immigrazione.

Tra le 130 persone indagate dalla magistratura con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento e allo sfruttamento dell’immigrazione clandestina, ci sono infatti – assieme ad avvocati, consulenti, commercialisti e privati – anche i 30 dipendenti dell’ufficio della Prefettura. Secondo l´accusa queste persone avrebbero fatto parte di un meccanismo di rilascio di permessi di soggiorno o pratiche legate all’immigrazione anche in assenza dei requisiti di legge.

Non vogliamo e non possiamo entrare nel merito dell’indagine – si legge ancora nel testo approvato dall’assemblea – ma ci chiediamo quali siano le responsabilità di chi in questi anni non ha mai voluto ascoltare le richieste dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali che li rappresentano”.

leggi il testo integrale del documento

Etichette: , ,