Ad aprile boom della cassa integrazione: +26% rispetto al mese precedente

uno spazio industriale abbandonato in una tela del pittore toni salmasoI dati diffusi dall’Inps di Brescia sull’andamento della cassa integrazione nel mese di aprile sono di grande preoccupazione.

Su tutti, quello davvero più drammatico è il crollo del ricorso alla cassa integrazione in deroga. Avete capito bene: nel mese di aprile le ore autorizzate per questa forma di ammortizzatore sociale (che interviene a sostegno del reddito dei lavoratori delle aziende artigiane in crisi e di particolari situazioni contrattuali) sono più che dimezzate – 270mila ore contro le 737mila di marzo – ma non perché le cose vadano meglio, ma perché non ci sono più soldi. Trova così conferma anche nella contabilità ufficiale l’allarme lanciato da tempo dalle organizzazioni sindacali: l’emergenza non è cancellare l’IMU ma trovare i soldi per garantire gli ammortizzatori sociali.

Complessivamente nel mese di aprile l’Inps di Brescia ha autorizzato 4milioni e 655mila ore di cassa integrazione, mentre il mese scorso erano state 3,9 milioni: per quella “straordinaria” si è arrivati a 2milioni e 763mila ore (1milione e 415mila nel mese di marzo); le ore di cassa integrazione “ordinaria” sono state in aprile 1milione e 621mila (1milione e 150mila in marzo).

Etichette: ,