In ricordo della Resistenza e dell’eccidio di Rodengo Saiano

Nell’ambito delle celebrazioni per l’anniversario della Liberazione dal nazifascismo, memoria della Resistenza partigiana e della fine della seconda guerra mondiale, i sindacati dei Pensionati di Cgil Cisl Uil di Brescia hanno organizzato, in collaborazione con ANPI e Fiamme Verdi, una manifestazione [guarda la locandina] che avrà luogo venerdì 19 aprile a Rodengo Saiano, dove le SS naziste uccisero dieci persone. Fnp, Spi e Uilp muoveranno in corteo da Villa Fenaroli di Corneto, frazione di Rodengo Saiano; dopo la deposizione di una corona d’alloro al cippo che ricorda l’eccidio, la manifestazione proseguirà nella San Salvatore di Saiano con gli interventi di Alfonso Rosini, Segretario generale dei Pensionati Cisl, di Rolando Anni dell’Archivio Storico della Resistenza Bresciana, e di Alessandra Del Barba dell’Officina Memoria.

 

L’eccidio di Rodengo Saiano

Villa Fenaroli di Corneto, a Rodengo Saiano, durante l’occupazione nazifascista ospitava la sede il comando delle SS naziste. In quel luogo, tra il 26 e il 27 aprile 1945, furono imprigionate, brutalmente torturate e infine fucilate dieci persone accusate di attività partigiana.

L’ordine di giustiziare il gruppo di partigiani guidati dal segretario comunale dell’epoca Gian Battista Vighenzi, fu impartito dal maggiore delle SS Luis Thaler comandante delle Unità armate di riserva Italiane. Più che di un’azione contro gli insorti si trattò di una vile rappresaglia, frutto di una vendetta delle truppe tedesche in fuga.

Leggi in proposito la scheda su Vighenzi della Enciclopedia bresciana

Le SS trucidarono Gian Battista Vighenzi (al quale la Cisl di Brescia ha intitolato nel 1976 una Fondazione di studi e ricerche) Giuseppe Malvezzi, Luigi Mario Andreis, Giuseppe Caravello, Giovanni Ceretti, Pietro Giovanni Falappi, Angelo Franchini, Gaetano Mirino Carlo Lumini, Giovanni Luigi Pezzotti, Enea Olivo e Gastone Tiego.

L’ufficiale tedesco venne arrestato il 30 aprile dal Comitato di liberazione nazionale di Adro. Accusato della strage, Thaler subì un processo sommario e fucilato il 2 maggio 1945.

Etichette: , , , ,