La trasformazione in S.p.A. sarebbe la pietra tombale della banca popolare

Fiba Cisl e Cisl Lombardia hanno promosso a Bergamo un convegno per un confronto a più voci sul progetto di trasformazione in società per azioni della Banca Popolare di Milano, operazione che diventerebbe di riferimento per il mondo delle banche popolari cooperative.

“Al di là delle assicurazioni formali – ha detto il Segretario nazionale dei bancari Cisl Giuseppe Gallo – un’operazione come questa rappresenterebbe la pietra tombale sul modello di governo ispirato alla democrazia economica che ne fa la banca di tutti i soci. Una banca socialmente responsabile è tale a partire dal modello di governo allargato, aperto alla partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori e di gli stakeholders. Una banca SPA con un modello di governo, per sua natura giuridica, affidato all’oligarchia finanziaria che ne detiene il controllo, non può offrire alcuna garanzia stabile di governance democratica e plurale tipica delle imprese cooperative”.

Dopo la relazione introduttiva di Giuseppe Gallo si è svolta una tavola rotonda alla quale hanno partecipèato: Victor Massiah, Consigliere delegato Ubi Banca; Giuseppe De Lucia, Segretario nazionale dell’Associazione delle banche popolari; Giulio Sapelli, Professore di Storia economica all’Università degli studi di Milano; Gigi Petteni, Segretario generale Cisl Lombardia.

La relazione introduttiva di Giuseppe Gallo

LA RASSEGNA STAMPA SUL CONVEGNO

Etichette: ,