Le speranze dei 62 ex dipendenti Ideal Standard ripartono da Palazzo Loggia

E’ ancora Bresciaoggi – che per primo aveva dato la notizia delle nuove aree individuate dal Comune per la realizzazione di una piattaforma logistica per Brescia dopo il fallimento del progetto di via Dalmazia – a seguire da vicino gli sviluppi della vicenda.

Scrive stamattina il quotidiano di via Eritrea: “Lo stato di agitazione e l´attesa per l´incontro nazionale al ministero dello Sviluppo Economico in programma oggi rimangono. Ma per i 62 dipendenti della Ideal Standard ancora in carico alla società a Brescia (tuttora alle prese con il contratto di solidarietà e distaccati alla sede Arcese di Bassano Bresciano) una speranza sembra, con le dovute cautele, prendere corpo”.

Ad alimentarla sono “gli sviluppi connessi alla partita relativa alla realizzazione della nuova piattaforma logistica della società, destinata ad offrire loro nuove prospettive occupazionali. Tramontata l´ipotesi «Piccola velocità», le possibili alternative sono rappresentate dalle superfici individuate successivamente dal Comune di Brescia per realizzare l´intervento. Su una di queste, in particolare quella dell´ex piattaforma Enel di via Della Volta, dopo il confronto di ieri in Municipio – presenti, tra gli altri, gli assessori Paola Vilardi e Maurizio Margaroli, oltre che sindacati e Rsu – emerge l´interesse evidenziato dal direttore delle risorse umane di Ideal Standard, Benedetto Gelsomino. Una soluzione accolta con favore dall´azienda a condizione che l´immobile necessario venga edificato dalla proprietà: la titolarità è riconducibile alla famiglia Franchini della Franchini Lamiere spa di San Zeno Naviglio, che sarebbe intenzionata a sviluppare l´eventuale business. A breve è previsto un incontro tra le parti, con il supporto tecnico della Loggia”.

Etichette: , , , ,