Roma: devastata sede Fim Cisl. C’è chi cerca lo scontro sociale

Devastata questa mattina con il lancio di vernice e uova, da un gruppo di persone incappucciate con mazze a seguito, la sede della Fim Cisl di Roma. Un lavoratore, che si trovava all’interno degli uffici, è stato picchiato e un altro é stato strattonato, buttato a terra e cosparso di vernice dalla testa in giù. All’interno della sede sono stati lanciati volantini firmati “Collettivo militante – Noi saremo tutti”.

“E’ l’ultimo episodio, in ordine di tempo, d’intolleranza squadrista fascista, nei confronti di persone, sindacalisti, lavoratori e delle sedi sindacali – afferma la Fim nazionale in una nota -. Rivolgiamo l’ennesimo appello a tutti coloro che hanno responsabilità, sindacali, politiche e istituzionali affinché facciano da argine all’intolleranza e alla violenza stupida e gratuita che offende e danneggia prima di tutti i lavoratori”. “Chiediamo alle istituzioni e alle forze dell’ordine – aggiunge – di individuare e colpire duramente gli autori di questi vili episodi”. Per questo pomeriggio, alle 18.30, Cisl e Uil hanno organizzato un presidio davanti al ministero dell’Interno, a cui parteciperanno i segretari generali Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti.

Etichette: ,