In Poste Italiane si vota per le RSU

 

Il 13 e 14 novembre i dipendenti di Poste Italiane votano per rinnovare le Rappresentanze Sindacali Unitarie. Un appuntamento che il Sindacato Lavoratori Poste della Cisl sta preparando da tempo, a partire dagli impegni da assumere e dalla formazione delle liste di candidati.

Slp Cisl è il sindacato maggiormente rappresentativo all’interno dell’azienda che punta alla conferma di questa fiducia anche attraverso il voto per le RSU, forte dei risultati ottenuti in questi anni con un’azione costante a difesa della dignità dei lavoratori e del servizio postale sul territorio.

E’ anche grazie a questo impegno, coerente e senza sbandamenti, che Poste Italiane è stata costretta a ritirare il progetto di riorganizzazione degli uffici e del recapito che in Lombardia prevedeva la chiusura di 84 uffici postali e la razionalizzazione –vale a dire aperture ad orari ridotti e a giorni alterni – di altri 51, con aumento dei carichi di lavoro ed un taglio di personale stimabile in oltre 1.000 unità.

Il 13 e 14 novembre, il confronto che si è finalmente aperto tra sindacati e azienda sul futuro di Poste Italiane cerca sostegno nel voto dei lavoratori. La Cisl lo chiede con uno slogan che fa sintesi dei risultati ottenuti e dell’impegno per il futuro: “Noi, sempre decisivi!”.

Sono sostanzialmente tre le grandi questioni per le quali si adopereranno i candidati Slp Cisl: la certezza e la difesa del posto di lavoro; la valorizzazione delle risorse umane; la salute e la sicurezza nel posto di lavoro.

Insieme alle RSU verranno eletti anche i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza.

Etichette: , , ,