“Assistenza domiciliare” ridotta. I tagli del Comune di Brescia a spese degli anziani

Alle proteste e all’allarme lanciato dai lavoratori dei Servizi sociali del Comune di Brescia, Palazzo Loggia ha sempre risposto minimizzando, rassicurando, ribadendo l’impegno della Giunta per l’insieme dei servizi rivolti alle fasce più deboli della popolazione, anziani per primi. Ma la credibilità di queste risposte – che del resto non avevano mai convinto – subisce un duro colpo dall’analisi su una delle voci basilari dei Servizi sociali comunali, quella relativa all’Assistenza domiciliare per gli anziani. “Servizi accorciati, lavoratori lasciati a casa, offerta ridotta” sintetizza questa mattina il quotidiano Bresciaoggi: “Per gli anziani in difficoltà – titola il Giornale di Brescia – 2000 ore di cura in meno”.

Leggi l’articolo del GIORNALE DI BRESCIA e quello di BRESCIAOGGI

Etichette: , , ,