Sfuma il progetto Logistica Ideal Standard. Femca Cisl: subito un piano alternativo

Il progetto della Logistica Ideal Standard a Brescia è definitivamente archiviato e con esso, purtroppo, anche gli impegni di riassorbimento dei 58 lavoratori dell’ex stabilimento cittadino, temporaneamente occupati alla piattaforma logistica Arcese di Bassano Bresciano. E’ quanto emerso dall’incontro che si è tenuto nel pomeriggio al Ministero dello sviluppo economico per fare il punto della situazione Ideal Standard a Brescia. Femca Cisl e le altre sigle sindacali chiedono subito un piano alternativo.

All’incontro al Ministero erano presenti le organizzazioni sindacali, i rappresentanti del Comune, della Provincia, della Regione, di Fs Logistica e di Ideal Standard.

“Nel corso della riunione – spiega Rino De Troia, Segretario della Femca Cisl di Brescia – è stata dichiarata ufficialmente l’impraticabilità del progetto di realizzazione del centro intermodale ferroviario tra via Dalmazia e via Orzinuovi nelle aree a Nord dell’ex insediamento industriale Pietra: l’azienda non ha risolto le questioni legate all’investimento e alle sinergie necessarie, Fs logista non ha smentito i suoi tentennamenti, mentre la Regione Lombardia ha ribadito che lo stralcio del progetto dal Piano Generale del Territorio del Comune di Brescia ha fatto decadere l’investimento del Pirellone, evidenziando inoltre che sull’area c’è un problema di bonifica”.

A porre fine al palleggio di responsabilità andato in scena anche oggi, è stata la delegazione sindacale che ha chiesto al Ministero “una riconvocazione urgente dei rappresentanti di tutte le istituzioni coinvolte per trovare nel più breve tempo possibile alternative concrete, credibili e praticabili”.

Digitando le parole Ideal Standard nella casella di ricerca in alto a destra è possibile ottenere una successione cronologica delle notizie degli ultimi anni sull’intera vicenda.

Etichette: , , , , ,