Cianfoni (Fai Cisl nazionale): “L’agricoltura bresciana migliore di chi la rappresenta”

L’atteggiamento di arrogante chiusura di Coldiretti, Confagricoltura e Confederazione Italiana Agricoltori di Brescia suscita reazioni anche a livello nazionale. Oggi il Segretario nazionale della Fai Cisl ha commentato l’atteggiamento delle associazioni datoriali – che appellandosi alla crisi vorrebbero rimandare il rinnovo del contratto all’anno prossimo – affermando che “la vera crisi è nelle indebolite capacità imprenditoriali di molti agricoltori bresciani, un tempo eccellenti e oggi ridotti spesso a questuanti della Pac“.
Intanto i sindacati di categoria a livello provinciale preparano lo sciopero generale di venerdì 27 luglio.

Domani su Bresciaoggi e venerdi sul Giornale di Brescia, Fai Cisl – Flai Cgil – Uila Uil useranno una delle pagine solitamente destinate alla pubblicità per spiegare con brevi slogan i contenuti della vertenza: “I padroni dell’agricoltura bresciana tornano all’antico e se la prendono con i lavoratori – si legge nelle pagina che è possibile vedere in anteprima cliccando sulla miniatura che apre questa notizia – Dopo decenni di aiuti, contributi e sovvenzioni pubbliche, oggi Coldiretti, Confagricoltura e Confederazione Italiana Agricoltori vorrebbero far pagare la crisi agli operai e ai braccianti agricoli negando il rinnovo del contratto“.

Scarica il pdf della pagina pubblicata sui quotidiani locali

Comunicato della Fai Cisl nazionale
CIANFONI (FAI CISL): «L’AGRICOLTURA BRESCIANA MIGLIORE DI CHI LA RAPPRESENTA»

Nei giorni scorsi i Sindacati agricoli di Brescia sono stati informati da Coldiretti, Confagricoltura e Cia provinciali che – vista la grave crisi corrente – il negoziato per il rinnovo del Contratto provinciale degli operai agricoli (scaduto il 31.12.2011) dovrà essere stoppato e ripreso eventualmente a dicembre.

Già le Segreterie provinciali di Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uila hanno reagito, ma la protesta, per la singolarità del comportamento degli Agricoltori bresciani, sta diventando un caso nazionale.

In proposito interviene il Segretario generale della Fai Augusto Cianfoni : “Il tasso di arroganza degli agricoltori bresciani è pari soltanto al decadimento che si registra da qualche anno in quella nobile provincia nelle condizioni generali in cui sono spesso costretti a lavorare e a vivere migliaia di operai agricoli italiani, neocomunitari ed extracomunitari la cui occupazione è spesso garantita – contrariamente a quanto sostengono le Rappresentanze degli agricoltori – con tipologie contrattuali e condizioni molto opinabili.

La vera crisi è nelle indebolite capacità imprenditoriali di molti agricoltori di quella provincia, un tempo eccellenti e oggi ridotti spesso a questuanti della Pac. Anche a Lodi, a Milano, ad Ancona e in tanti altri luoghi d’Italia la crisi morde, ma i veri imprenditori non fanno “serrata” alle relazioni sindacali, ma co-gestiscono la crisi concordando col Sindacato modalità anche nuove (come a Lodi e Milano) che conciliino il superamento della crisi con il riconoscimento dei diritti di chi lavora, primo quello di una minima difesa del salario dall’inflazione.

Se fosse già vigente una regolamentazione della Pac come quella proposta dal Sindacato europeo e italiano che negasse agli agricoltori finanziamenti e aiuti in ragione della loro elusione delle leggi sociali e dei contratti di lavoro, questi agricoltori bresciani dovrebbero nuotare nel mezzo delle turbolenze del mercato senza le ciambelle garantite loro dall’Europa da decenni sfiancandone la reattività e disabituandoli così tanto alla cultura del rischio di impresa, propria di ciascun vero imprenditore.

Le Organizzazioni professionali agricole nazionali devono dimostrare ora che gli impegni che esse assumono a Roma valgono per tutto il Paese e non possono essere interpretate a soggetto e soprattutto imposte unilateralmente secondo umori locali, in una sorta di arbitrario localismo che strappa nei giorni dispari ciò che sottoscrive nei giorni pari”.

Etichette: , , , ,