Immigrati e datori di lavoro: dal 15 settembre un mese di tempo per la regolarizzazione

Un ulteriore passo in avanti nel contrasto al lavoro nero e allo sfruttamento del lavoro degli immigrati. Da metà settembre scatta la sanatoria per la regolarizzazione degli immigrati in Italia almeno dal 31 dicembre 2011.

Si chiama ravvedimento operoso (leggi il testo), ed è la regolarizzazione dei rapporti intercorsi tra i datori di lavoro e le migliaia di immigrati – colf, badanti, muratori, braccianti agricoli, operai occasionali – che ogni giorno, pur essendo privi di un documento valido di soggiorno e dunque senza poter godere di alcuna tutela, lavorano nelle più diverse realtà del nostro territorio.

I requisiti
La dichiarazione di emersione potrà essere presentata dal 15 settembre al 15 ottobre dai datori italiani, comunitari o extracomunitari titolari di carta di soggiorno (permesso ce per soggiornanti di lungo periodo) che, all’entrata in vigore del decreto legislativo, occupano da almeno tre mesi lavoratori stranieri irregolari. Il rapporto di lavoro deve essere a tempo pieno, tranne che nel caso dei lavoratori domestici, per i quali è ammesso anche un part-time da almeno venti ore settimanali. I lavoratori stranieri dovranno però anche dimostrare, attraverso “documentazione proveniente da organismi pubblici” di essere in Italia almeno dal 31 dicembre 2011. Una norma introdotta per evitare l’effetto richiamo di altri clandestini dall’estero, ma che potrebbe complicare la vita a molti irregolari che, per forza di cose, sono invisibili.

Sono esluci dalla sanatoria …
Non sono ammessi datori di lavoro condannati negli ultimi cinque anni, anche con sentenza non definitiva, per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, per tratta o sfruttamento di prostituzione e minori, per caporalato o per aver dato lavoro a immigrati irregolari. Niente da fare anche per chi in passato ha presentato una domanda per i flussi o per altre regolarizzazioni e poi non ha assunto il lavoratore.
Sono esclusi gli immigrati espulsi per motivi di ordine pubblico o sicurezza dello Stato e per chi è stato condannato, anche con sentenza non definitiva, per uno dei reati previsti dall’articolo 380 del codice di procedura penale. Regolarizzazione vietata anche per chi è considerato, anche in base a condanne non necessariamente definitive, una minaccia per l’ordine pubblico o la sicurezza dell’Italia o di altri paesi dell’area Schengen.

1000 Euro per ogni lavoratore
L’emersione costerà ai datori di lavoro mille euro per ogni lavoratore da regolarizzare, soldi che non potranno dedurre dall’imposta sul reddito e che vengono considerati un “contributo forfettario”. Al momento della stipula del contratto di soggiorno dovranno inoltre dimostrare di aver versato regolarmente retribuzione, tasse e contributi per almeno sei mesi o, se, superiore, per tutta la durata del rapporto di lavoro.

Modalità della dichiarazione
Entro venti giorni dalla pubblicazione del decreto legislativo (ad oggi non è ancora apparso sulla Gazzetta Ufficiale), un decreto interministeriale definirà le modalità della dichiarazione di emersione (che sarà probabilmente telematica), quelle del versamento del contributo forfetario, i limiti di reddito del datore di lavoro e altri dettagli.

Etichette: ,