E’ scontro sui voucher in agricoltura. Domani sciopero generale dei lavoratori agricoli
TORNA INDIETRO

E’ scontro sui voucher in agricoltura. Domani sciopero generale dei lavoratori agricoli

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 21 Maggio 2012

Mentre continua l’inno al “voucher libero” (con una martellante campagna promozionale sostenuta in modo particolare da Coldiretti) Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil hanno proclamato per domani, martedì 22 maggio, uno sciopero generale di otto ore dei lavoratori agricoli.

Le organizzazioni dei lavoratori ribadiscono così e la loro ferma intenzione di battersi contro la destrutturazione nel settore agricolo. Per Confagricoltura, Coldiretti e Confederazione Italiana Agricoltori, “voucher libero” significa infatti il rifiuto di ogni possibilità di controllo sul loro utilizzo e il tentativo di usare questa forma di retribuzione per annullare gli effetti del contratto di lavoro.

Lo sciopero – che culminerà in una manifestazione in piazza Santi Apostoli a Roma, avviene in concomitanza con la discussione in Senato del disegno di legge di riforma del mercato del lavoro. I sindacati intendono rimarcare con lo sciopero il loro sostegno alle proposte di modifica formulate in Commissione dai relatori Maurizio Castro (Pdl) e Tiziano Treu (Pd, emendamenti contro i quali si sono invece scagliate le organizzazioni datoriali. Sono tre le questioni sulle quali Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil richiamano l’attenzione del Parlamento.

IL VALORE ORARIO DEI VOUCHER
La prima riguarda il valore orario del voucher: l’emendamento proposto dai relatori in Commissione lavoro al Senato (Treu e Castro) prevede che i voucher abbiano un valore orario e siano numerati; una proposta di buon senso che servirebbe a sanare un utilizzo distorto del voucher in agricoltura che ha incrementato il lavoro nero. Confagricoltura, Coldiretti e Cia vorrebbero invece escludere, solo per il settore agricolo, la relazione tra il voucher e il suo valore orario.

COSA C’ENTRANO LE CASALINGHE CON I VOUCHER AGRICOLI?
Altro punto inaccettabile è il tentativo di ricomprendere le casalinghe (una categoria giuridica inesistente) tra le figure che, insieme ai giovani studenti e ai pensionati, possono essere remunerate con i voucher.

NON AI VOUCHER COME SOSTITUTI DEL CONTRATTO
Altra previsione, del tutto condivisibile, contenuta nella proposta dei relatori al Senato è l’esclusione dei lavoratori iscritti negli elenchi anagrafici tra i soggetti che possono essere retribuiti con i voucher. Confagricoltura, Coldiretti e Cia vogliono invece annullare questa proposta per poter retribuire, con i voucher, lavoratori che hanno invece diritto alle tutele contrattuali.