Brescia e la strage di Piazza Loggia, trentotto anni dopo

«Tutti gli anniversari sono particolari – ha detto oggi Manlio Milani, presidente dell’Associazione dei familiari delle vittime della strage di Piazza Loggia – ma questo 28 maggio lo è un po’ di più perché si celebra all’indomani dell’ennesima sentenza che colpisce questa città e dopo i fatti di Brindisi, che colpiscono la scuola e quindi il futuro; noi, però, dobbiamo avere la forza di reagire per non essere segnati dalla storia ma per segnarne il percorso. Esercitando la memoria senza paura». Nel titolo delle manifestazioni per il trentottesimo anniversario della strage, promosse come ogni anno dalla “Casa della memoria”, si ricorda che la strage è ancora impunita, «ma noi siamo qui – ha aggiunto Paolo Reboni della Segreteria della Cisl bresciana – a dimostrazione che c’è una comunità che non è disposta a perdere pezzi importanti della propria esperienza».

Il dettaglio delle molte iniziative previste è nel denso programma di questo trentottesimo anniversario.
Una novità è costituita dall’inaugurazione dell’annunciato «percorso della memoria» che con 490 formelle inserite nel tessuto urbano ricorderà i nomi delle vittime del terrorismo e della violenza politica, a partire dai caduti della strage bresciana.

Anche quest’anno spazio e ruolo per i giovani studenti bresciani: saranno loro ad intervistare il Ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri, che senza esitazioni ha accolto l’invito a partecipare alle celebrazioni per questo anniversario.

La mattina di lunedì 28 maggio Cgil Cisl Uil chiamano in bresciani a riunirsi in Piazza della Loggia per la commemorazione ufficiale, affidata quest’anno a Susanna Camusso, Segretario nazionale della Cgil.

Etichette: , , , ,

CISL BRESCIA: Uffici aperti. Accessi in sicurezza regolati su prenotazione allo 030 3844 511