Guarda la registrazione del convegno  E’ POSSIBILE SUPERARE L’OSTACOLO DELLE PAURE? clicca QUI

I dati sulla cassa integrazione confermano nel bresciano l’espansione della crisi
TORNA INDIETRO
faifemcafilcafim

I dati sulla cassa integrazione confermano nel bresciano l’espansione della crisi

2 min per leggere questo articolo

Pubblicato il 14 Aprile 2012

 

 

 

 

Nei primi tre mesi del 2012 sono state autorizzate nel bresciano 11,6 milioni di ore di cassa integrazione, con un aumento del 66,5% rispetto al quarto trimestre del 2011. E per la prima volta in Lombardia si registrano oltre 300.000 disoccupati.


La rilevazione dell’Inps certifica che la crescita maggiore si registra per la cassa integrazione ordinaria (+115%). Il ricorso alla cassa integrazione straordinaria è aumentato del +42,2%, incremento determinato dalle numerose ristrutturazioni e crisi aziendali che in assenza di ripresa economica potrebbero portare alla cessazione di attività e ad un aumento della disoccupazione. Anche la cassa in deroga (artigiani, edilizia, aziende sotto i 15 dipendenti) fa registrare un aumento del 31%.

Analizzando i dati della cassa integrazione ordinaria suddivisa per settori si vede che i più colpiti sono quello metalmeccanico (+159%), quello del comparto moda (+129%), dell’edilizia (+46%); stupisce e preoccupa l’aumento del 143% delle ore di cassa integrazione nell’agroalimentare, settore che fino a qualche mese fa sembrava aver risentito meno della crisi.

Per quanto riguarda la cassa integrazione straordinaria il settore maggiormente in difficoltà è quello chimico-energetico (+492%); nel settore metalmeccanico l’incremento è del 54%, mentre la crisi dell’edilizia fa aumentare del 137% il ricorso agli ammortizzatori sociali.