Nel vivo il confronto sulla riforma del mercato del lavoro: oggi si è parlato di apprendistato

È durato quasi due ore il terzo incontro a Palazzo Chigi tra Governo e parti sociali sulla riforma del mercato del lavoro. “Ci stiamo incanalando su una strada più definita e strutturata” ha detto il Segretario generale della Cisl Raffaele Bonanni al termine della riunione di oggi, sottolineando un ulteriore passo avanti nel confronto.

Per il Governo hanno preso parte all’incontro il Ministro del Lavoro Elsa Fornero e il Ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera, i viceministri del Lavoro Michel Martone e dell’Economia Vittorio Grilli; per le organizzazioni sindacali Susanna Camusso (Cgil), Raffaele Bonanni (Cisl), Luigi Angeletti (Uil), Giovanni Centrella (Ugl); per le organizzazioni datoriali Emma Marcegaglia (Confindustria), Giuseppe Mussari (Abi), Marco Venturi (Rete Imprese Italia), Luigi Marino (Alleanza delle cooperative).

IL CONTRATTO DI APPRENDISTATO
Parlando di apprendistato il Ministro Fornero, ha fatto sapere che” deve diventare la forma tipica di ingresso nel mercato del lavoro per i giovani”.
Saremo severissimi, ha aggiunto, ” e non avremo nessuna tolleranza sull’uso improprio del contratto di apprendistato da parte delle imprese”. Questo contratto, ha detto, è stato spesso usato come veicolo di flessibilità mentre invece deve essere veicolo di formazione”.

NESSUN AUT AUT DAL GOVERNO
Sui contratti, Fornero ha invece fatto sapere che l’esecutivo “non userà l’accetta per ridurre il numero delle forme contrattuali. Il Ministro ha spiegato “che piuttosto bisogna introdurre sanzioni e controlli contro l’uso improprio delle forme di flessibilità”.
Inoltre, ha detto non ci sarà “nessun aut aut” del Governo sulla riforma, ma “deve essere chiaro che il tema del riordino dei contratti e delle flessibilità in entrata è subordinato a quello delle flessibilità in uscita”.

Il prossimo incontro sulla riforma del lavoro si terrà lunedì 20 febbraio al Ministero del Lavoro. All’ordine del giorno le politiche attive del lavoro e degli ammortizzatori sociali.

Etichette: , , , ,