Bonus anziani a rischio. La preoccupazione dei sindacati dei pensionati Cgil Cisl Uil

Il titolo di Bresciaoggi sulla chiusura del dibattito sul bilancio non lascia dubbi: Il Bilancio ‘salva’ Brescia ma non il bonus anziani. Immediata la presa di posizione dei pensionati di Cgil Cisl Uil che chiedono alla Loggia un chiarimento urgente.

 

 

 

IL COMUNICATO STAMPA UNITARIO DEI PENSIONTI CGIL CISL UIL
Apprendiamo da notizie di stampa che al termine della Commissione Servizi alla Persona e Sanità convocata ieri pomeriggio presso la Fondazione Brescia Solidale, è stato comunicato che “il Bonus Anziani bandito per gli ultra 65enni e gli ultra 75enni della città è destinato a tornare nel cassetto prima ancora di essersi concretizzato, mentre i soldi previsti per l’intervento una tantum saranno girati sulla Fondazione per compensare i costi delle rette delle case di riposo”.

Le organizzazioni sindacali dei pensionati dichiarano tutta la loro contrarietà a tale orientamento perché si penalizzerebbe una fascia di popolazione in crescente difficoltà (sulla quale comunque già gravano costi di compartecipazione alla spesa dei servizi) senza nulla proporre in alternativa per il 2012.

A questo si aggiunge inoltre l’urgenza di chiarire l’impegno al pagamento dei bonus anziani per il 2011, il cui bando è scaduto il 23 dicembre scorso. Rispetto a notizie circolanti di un suo congelamento, i sindacati bresciani dei pensionati hanno già richiesto un incontro chiarificatore con competente assessorato, fino ad ora senza risposta.

Di fronte ai rischi di ricadute a catena sui servizi e sulle prestazioni destinati alla popolazione anziana della città a seguito della riduzione della spesa sociale, Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil chiedono un chiarimento completo e tempestivo all’Amministrazione comunale cittadina.

Etichette: , , , ,